Quinto giorno del Trekking della Valnerina

Condividi
Share

 

Cronaca di viaggio – 5° giorno del trekking della Valnerina
Sono pochi gli abitanti della bella Gavelli, punto di partenza di questa escursione, che si preannuncia impegnativa per il dislivello in salita e sopratutto per quello che si dovrà compiere in discesa.
Oggi nuvole e nebbia da queste parti e già ci immaginiamo che le bellissime vedute panoramiche saranno rare. Ragazzi, un vento da portare via sul crinale sino alla croce posta a 1.685 metri.
Scendendo, finalmente, uno squarcio di visibilità ci dà la profondità visiva di queste montagne con i Sibillini sullo sfondo tra le nuvole. Giù in fondo ai prati, sono in bella mostra un gruppo di cavalli
e di bellissimi esemplari di bovini di razza chianina con tanto di toro e sua corte. Là incontriamo Mario di Mucciafora intento a controllare il suo bestiame. Ci conferma la via e ci avverte serio di
stare lontano dai suoi bovini. “Passate sopra alle vacche che il toro potrebbe caricare!”. Scusate, non mi riesce e non mi viene di tradurre l’inflessione dello “sleng” con le lettere ma immaginate
l’effetto che può fare nel simpatico dialetto di Mucciafora. La discesa impegnativa ci riporta al nostro amato punto di sosta di Castel San Felice presso l’accogliente Agriturismo “Zafferano e
dintorni”.

Un caro saluto Louis

Lascia un commento