Cammino della Valnerina 2018 : Il racconto, terzo giorno

Condividi
Share

Cronaca di viaggio del trekking della Valnerina: Dal lago di Piediluco a  Castelluccio di Norcia.

Appena partiti da Macenano incontriamo Clara e Lucia, arzilla signora di 92 primavere, che ci invitano al loro circolo Arci dove ogni sera su due tavoli separati giocano le femmine a briscola mentre i maschi si spingono sino a scopa e scopone scientifico. Poi lungo il Nera incontriamo Attilio ed a Ceselli una cinquecento ed una vespa degli anni sessanta prima di iniziare la salita che ci porta a Civitella dove incontriamo, in Piazza Benedetti, una famiglia che ci offre con gentilezza un caffé. Scopriamo che producono formaggi, budini, ricotta e yogurt di grande bontà. È stata proprio una bella sosta alla fontana del paese prima di affrontare gli ultimi 400 metri in salita sino a Monte San Vito, magnifica terrazza sulla Valnerina con i suoi 914 metri. Che bello, si intravede in lontananza il salto delle cascate delle Marmore. Insomma umanità varia, accoglienza, borghi minuscoli dal fascino decadente lungo questi 15 km. ed i suoi 800 metri a salire.

 

Lascia un commento